Mathys AG Bettlach

Mathys opera a livello internazionale nell’ambito dell’apparato motorio. Fondata nel 1946, la società lavora nel campo delle tecnologie mediche dal 1958. Dal 2003 concentra le proprie attività esclusivamente sullo sviluppo, sulla realizzazione e sulla commercializzazione di prodotti protesici per le articolazioni. L’assortimento di Mathys spazia dalle protesi per l’anca, il ginocchio e le spalle ai sostituti ossei sintetici. Nel 2013 Mathys ha fatto il suo ingresso nel segmento dell’ortopedia sportiva. La società conta stabilimenti per lo sviluppo e la produzione in Svizzera e in Germania nonché filiali in altri 11 Paesi. Complessivamente impiega circa 600 persone.

Nel 2021, Mathys e l'azienda americana DJO si uniscono per rafforzare la loro posizione nel crescente mercato delle articolazioni artificiali.

Notizia

Nuovo orientamento dell’azienda ortopedica Mathys

In caso di richieste da parte dei media si prega di rivolgersi a: media@mathysmedical.com


Saperne di più
Das Bild zeigt den Mathys Hauptsitz in der Schweiz

Orari di apertura:

Lunedi - Giovedi
08:00 - 12:00
13:00 - 17:00

Venerdì
08:00 - 12:00
13:00 - 16:00

Tel. +41 32 644 16 44
Fax +41 32 644 11 61 E-Mail

La storia Mathys

Siamo Mathys – già dal 1946!

Scoprite come una piccola officina si è trasformata in un'azienda ortopedica internazionale e seguite le tappe della sua storia:

1946

Fondazione dell'azienda

Robert Mathys senior fonda l'azienda a Bettlach, Svizzera: Si tratta di una fabbrica per lo sviluppo e la produzione di macchine e apparecchiature. Inoltre, lavora componenti in acciaio speciale resistente alla ruggine e agli acidi.

1958

Maurice E. Müller e Robert Mathys

Maurice E. Müller incontra Robert Mathys ed ecco che il passo verso la tecnologia medica è compiuto: Mathys sviluppa e produce impianti e strumenti destinati alla chirurgia ossea e all’ortopedia. Presso l’ospedale di Grenchen, presenzia a operazioni chirurgiche al fine di approfondire ulteriormente l’argomento.

1961

Primo impianto di un'articolazione dell'anca in Europa

Il 9 febbraio 1961 Maurice E. Müller impianta in un paziente la prima protesi d’anca sviluppata da Robert Mathys: si tratta del primo impianto di una protesi d’anca effettuato nel continente europeo.

1967

Sviluppo e produzione per Protek

L’azienda Mathys avvia la produzione di protesi d’anca per la Protek di Berna, una ditta di proprietà di Maurice E. Müller. Per Mathys questo passo rappresenta il preludio di quella che diventerà la sua seconda colonna portante: oltre alle viti e alle placche per l’osteosintesi, da questo momento in poi la società si dedica infatti anche alla produzione di protesi articolari.

1973

Cotile RM

Siamo agli albori del cotile monoblocco elastico non cementato, sviluppato sulla base del design del cotile Müller cementato con l’obiettivo di offrire un’elevata stabilità primaria all’impianto in assenza di cemento osseo.

1974

Doctor honoris causa

La facoltà di medicina dell’Università di Berna conferisce a Robert Mathys il titolo onorifico di «Doctor honoris causa» per i suoi meriti nell’ambito dell’osteologia. Nella lettera di raccomandazione inviata al preside della Facoltà di medicina, il chirurgo Maurice E. Müller scrive: «Con la laurea honoris causa al signor Mathys, la Facoltà conferirebbe questo titolo a un uomo semplice, il cui lavoro ha portato a progressi pionieristici nel settore della chirurgia ossea.»

1981

La grande crescita

In tutto il mondo la Robert Mathys Co. impiega oltre 400 dipendenti. L’assortimento cresce fino a includere 3149 prodotti. Tra i clienti si annoverano 8000 ospedali e il 95 percento della produzione viene esportata all’estero: Francia e Germania rappresentano i mercati principali.

1983

RM Classic

Il rivestimento in titanio «RM» (Robert Mathys) sviluppato da Mathys viene impiegato per la prima volta nel dispositivo RM Classic. Le particelle di titanio favoriscono l’osteointegrazione dell’impianto, essendo singolarmente ancorate nel polietilene e non collegate l’una all’altra a livello strutturale. Il rivestimento non altera quindi l’elasticità dell’impianto.

1991

Indipendenza

Gli azionisti di Mathys gettano le basi strategiche per lo sviluppo di un proprio ramo ortopedico. Hugo Mathys assume le redini dell’azienda e porta avanti lo sviluppo del settore delle protesi articolari: una decisione che si rivelerà fondamentale per garantire in futuro l’attività indipendente della società.

1996

Commercializzazione dei primi prodotti con il proprio nome

Robert Mathys junior assume la carica di presidente del consiglio di amministrazione di Mathys Medizinaltechnik AG che, in estate, festeggia il 50° anniversario della sua fondazione organizzando una grande festa e presentando una nuova immagine del marchio. Per decenni Mathys ha prodotto protesi d’anca per la Protek, l’azienda di Müller, fino a quando quest’ultima, nel 1996, è stata rilevata da Sulzer Medica. Forte dei suoi 35 anni di esperienza, nel 1996 Mathys avvia la commercializzazione delle sue protesi articolari a proprio nome. Una mossa di cui, già cinque anni prima, Mathys aveva consapevolmente gettato le basi orientandosi in maniera strategica verso le protesi articolari.

1998

balanSys BICONDYLAR

balanSys BICONDYLAR, il comprovato, stabile ed evoluto sistema protesico per il ginocchio, viene impiantato per la prima volta nel 1998. Quello che allora si rivelò un prodotto all’avanguardia, si dimostra ancora oggi assolutamente valido e, con il lancio degli strumenti leggera e degli inserti vitamys, negli ultimi anni ha registrato un ulteriore sviluppo a livello tecnologico.

2002

Acquisizione di «Keramed Medizintechnik GmbH»

Mathys rileva l’azienda tedesca Keramed, specializzata in materiali ceramici, con cui già da anni porta avanti sperimentazioni nel settore delle protesi articolari. All’inizio degli anni ‘70 Keramed era stata una delle prime aziende a livello mondiale a sviluppare e distribuire bioceramiche per l’endoprotesi.

2002

RM Pressfit

Partendo dal comprovato concetto alla base del cotile RM Classic elastico, lo sviluppo non si ferma e una versione di RM Pressfit priva di perni approda sul mercato.

2003

La vendita di osteosintesi a «Synthes»

La famiglia Mathys decide di vendere a Synthes USA il settore dell’osteosintesi e, quindi, il 90 percento del volume aziendale. Da quel momento la nuova Mathys AG Bettlach si concentra sulla produzione di protesi d’anca, del ginocchio e della spalla. Hugo Mathys guida l’azienda in qualità di CEO, mentre Robert Mathys junior ricopre il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione, per poi affidare l’incarico sempre a Hugo Mathys pochi anni dopo.

2007

ceramys

Cinque anni dopo aver rilevato Keramed, Mathys lancia le prime teste realizzate in ceramys, una ceramica a dispersione da impiegare nell’endoprotesi dell’anca. Tutte le ceramiche Mathys vengono sviluppate, prodotte e testate internamente.

2008

La terza generazione

Livio Marzo è il primo rappresentante della terza generazione a entrare nel consiglio di amministrazione di Mathys. Marzo è CEO di gruppo Thommen Medical, specializzato nel settore delle protesi dentali. Anche gli impianti dentali del gruppo Thommen Medical provengono dall’azienda Mathys.

2009

RM Pressfit vitamys

Si assiste all’ulteriore sviluppo del cotile RM, che da questo momento viene offerto in vitamys, un polietilene densamente reticolato e arricchito di vitamina E che presenta elevata elasticità, notevole resistenza all’abrasione e all’ossidazione e una buona stabilità meccanica.

2009

Affinis Short

Con lo sviluppo della protesi di spalla priva di stelo, Mathys realizza un impianto di carattere pionieristico. L’obiettivo di Mathys è quello di sviluppare una soluzione in grado di coniugare i vantaggi di una ricostruzione anatomica semplice che non comporti un’ingente perdita ossea. La soluzione è quindi Affinis Short.

2010

optimys

Grazie allo stelo corto optimys, Mathys compie un ulteriore passo in avanti all’insegna dell’innovazione. Questa protesi è stata infatti sviluppata con l’obiettivo di ricostruire le condizioni anatomiche individuali del paziente con un design in grado di preservare la struttura ossea.

2012

Ligamys

Con Ligamys, Mathys prende piede nel settore dell’ortopedia sportiva. Ligamys è un metodo utilizzato nel trattamento delle lesioni del legamento crociato, che viene preservato in tutte le sue funzioni. Un ulteriore prodotto all’insegna del motto «Preservation in motion».

2013

La «Robert Mathys Strasse»

Alla presenza di dieci nipoti e pronipoti del fondatore dell’azienda, la «Güterstrasse» a Bettlach viene ribattezzata «Robert Mathys Strasse» e, davanti alla casa unifamiliare in cui l’intera storia aziendale ha avuto inizio, viene solennemente scoperta una targa commemorativa in granito.

2015

Roger Mathys viene eletto nel Consiglio di Amministrazione

Il ruolo di Robert Mathys junior viene assunto dal figlio Roger Mathys, pilota collaudatore e secondo rappresentante della terza generazione ad accedere al consiglio di amministrazione di Mathys AG Bettlach.

2017

Nuovo CEO Dr Benjamin Reinmann

Dopo una fase di consolidamento di tre anni, Hugo Mathys affida a Benjamin Reinmann la direzione operativa di Mathys AG Bettlach. Reinmann, medico di formazione, proviene dall’azienda a conduzione familiare Ypsomed, dove ha lavorato per dodici anni. «So cosa mi aspetta», ha dichiarato Reinmann in occasione del suo insediamento.

2020

Livio Marzo diventa Presidente del Consiglio di Amministrazione

Hugo Mathys cede la presidenza del consiglio di amministrazione a suo nipote Livio Marzo e, quindi, alla terza generazione Mathys. Nonostante la pandemia di coronavirus non abbia risparmiato nemmeno Mathys AG Bettlach, l’azienda è comunque riuscita a chiudere l’anno in positivo.

2021

75 anni Mathys

L’azienda Mathys festeggia il 75° anniversario della sua fondazione e il centenario della nascita del suo fondatore, il Dr. h. c. Robert Mathys. Quella di Mathys è per certi versi una storia aziendale del tutto particolare, portata avanti all’insegna del motto «Preservation in motion» e dei valori legati al «pionierismo», alla «collaborazione» e all'«esperienza».

Mathys si è inoltre unita all’azienda americana DJO al fine di espandere congiuntamente la propria posizione nel mercato in crescita delle protesi articolari.

Disconoscimento

Il centro download contiene tutti i documenti e le informazioni riportate sul sito web. L'immagini (impresioni) usate in questi riportate non rappresentano una correlazione tra l'uso del dispositivo medico descritto e la sua performance. La ricerca con filtri consente di reperire rapidamente e con precisione le informazioni richieste.

Ricordate che per poter usufruire del servizio di download dovete accettare le condizioni di utilizzo.